Qual è il valore reale di un bitcoin?

Dichiarazione di divulgazione
Dejan Glavas non lavora per, consulta, possiede azioni proprie o riceve finanziamenti da società o organizzazioni che potrebbero beneficiare di questo articolo, e non ha rivelato alcuna affiliazione rilevante al di là della loro nomina accademica.

Partner
ESCP Europa

ESCP Europe fornisce finanziamenti in qualità di membro di The Conversation FR.

Il Conversation UK riceve finanziamenti da Hefce, Hefcw, SAGE, SFC, RCUK, The Nuffield Foundation, The Ogden Trust, The Royal Society, The Wellcome Trust, Esmée Fairbairn Foundation e The Alliance for Useful Evidence, oltre a sessantacinque membri universitari.

Visualizza l’elenco completo

Ripubblicare questo articolo
Ripubblicare Ripubblicare i nostri articoli gratuitamente, online o in stampa, sotto licenza Creative Commons.

Bitcoins e benjamins: Qual è la valuta reale? David McBee/Pexels
Email eMail
Twitter8
Facebook39
LinkedIn
Stampa
Una delle domande più calde riguardanti il bitcoin da quando i primi sono stati creati nel gennaio 2009 è il suo valore reale. Secondo Warren Buffett, l’investitore più influente al mondo, la risposta a questa domanda sarebbe: non molto.

Cercheremo anche di rispondere a questa domanda utilizzando due concetti in economia e finanza: valore minimo (o residuo) e schemi Ponzi. L’approccio del valore minimo è un approccio prudente. Con questo approccio vorremmo sapere quale valore rimane quando tutto va storto, come in caso di perturbazione del mercato o di crisi economica.

Valore come valuta o valore come investimento?
Prima di cercare di valutare un bitcoin dovremmo definirlo come una valuta o come un investimento. Il suo utilizzo come mezzo di pagamento con alcuni commercianti può portarci a vedere il bitcoin come una valuta non legata ad un paese e senza banca centrale.

I bitcoin sono solitamente misurati in termini di tasso di cambio con lo Yen giapponese e il dollaro USA, in quanto queste due valute rimangono le principali valute per le quali vengono scambiati i bitcoin.

Cercheremo ora di valutare i bitcoin come valuta utilizzando l’approccio del valore minimo.

Tutte le principali valute hanno una banca centrale che controlla il tasso di cambio della loro valuta rispetto alle altre valute e soprattutto al dollaro. Contrariamente alla maggior parte delle valute scambiate, bitcoin non ha una banca centrale o un’entità che controlla il suo tasso di cambio. Pertanto, il tasso di cambio del bitcoin rispetto al dollaro o allo yen giapponese potrebbe teoricamente scendere a zero.

Come alcuni accademici e professionisti lo qualificherebbero, il bitcoin non può essere considerato come una valuta, ma come un investimento. In finanza, misureremo il valore intrinseco di un investimento come la somma dei ricavi futuri che esso genera (con uno sconto per tenere conto del tempo). I Bitcoin non generano entrate presenti o future. Pertanto, come investimento e utilizzando un valore minimo, i bitcoin hanno un valore minimo pari a zero.

Questa voce è stata pubblicata in articolo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *